X  

Incentivi fotovoltaico 2020

FB TW Pinterest whatsapp
incentivi

Per quanto riguarda gli incentivi al fotovoltaico residenziale, la misura più nota è rappresentata dalle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, il cosiddetto bonus ristrutturazioni, misura, prevista dal Testo Unico delle imposte sui redditi, dispone che ogni contribuente può portare in detrazione, in sede di dichiarazione dei redditi, una somma pari al 50% delle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione edilizia, con riferimento ad un ammontare massimo delle spese non superiore a 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Il bonus ristrutturazioni 2020 riguarda, tra gli altri, anche gli interventi realizzati per ottenere un risparmio energetico. Tra questi, hanno un ruolo di primo piano le installazioni di impianti per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili. Le agevolazioni fiscali ristrutturazioni 2020 sono applicabili anche all’acquisto e installazione di un impianto fotovoltaico destinato alla produzione di energia elettrica ad uso residenziale.

Cosa si può detrarre?
Tra le spese che vengono rimborsate al 50% con il bonus ristrutturazioni, tramite detrazione, rientrano:
i costi d’acquisto (di pannelli solari e di altri componenti)
i costi di installazione
le spese di progettazione
le spese per altre prestazioni professionali
le spese necessarie alla redazione della relazione di conformità
le spese relative a perizie e sopralluoghi
le spese per l’Iva
le spese per l’imposta di bollo e per il rilascio di concessioni e autorizzazioni ai lavori

A chi spetta?
Possono usufruire del bonus fotovoltaico 2020 i privati persone fisiche che sostengono le spese per l’intervento, siano essi proprietari dell’edificio su cui viene installato l’impianto oppure i conduttori o comodatari.
Il meccanismo della detrazione pari al 50% delle spese sostenute funziona nel modo seguente: la somma corrispondente viene suddivisa in 10 quote annuali di pari importo e il beneficiario potrà detrarre l’importo corrispondente a ciascuna singola quota ogni anno, per 10 anni, in sede di dichiarazione dei redditi.
Per usufruire dell’agevolazione in oggetto è necessario effettuare i pagamenti di tutte le spese sopra descritte tramite bonifico, anche online tramite operazioni di internet banking. Nella causale del bonifico si deve aver cura di specificare la norma di riferimento (cioè l’art. 16-bis del Testo Unico delle imposte sui redditi) e il proprio codice fiscale.